blog

“Grazie, ragazzi. Questo nobile gesto vi fa onore e ci rende orgogliosi di voi”

Di Cettina Callea

La scuola e la didattica a distanza sono stati argomenti di continue discussioni  in questi giorni di quarantena.
Poco si è parlato, invece,  di quanto realmente stiano apprendendo i ragazzi e le ragazze di oggi di fronte ad un evento senza precedenti che supera anche la più fervida fantasia. Ma mentre noi, operatori della scuola pensiamo a programmi, piattaforme ed esami, loro, i ragazzi, quelli che a detta di molti sono svogliati, superficiali, insolenti, viziati e capricciosi, ci danno una lezione che va ben oltre i programmi ministeriali.




Le quinte del Fermi di Licata hanno deciso, autonomamente, senza l’intervento di nessun insegnante di fare qualcosa di concreto per la nostra comunità. Si sono attivati, alla chetichella, per dare il loro contributo in un momento di sgomento generale. Ed ecco che, all’improvviso, hanno impartito una gran bella lezione di vita e generosità a tutti noi, docenti, adulti, cittadini, dimostrando quanto sia importante nelle difficoltà essere uniti e solidali. I soldi donati, erano stati versati dagli alunni alla scuola per un’attività legata all’orientamento in uscita presso l’ ATEN CENTER il centro di biotecnologie avanzate dell’università di Palermo. Anziché, usufruire del rimborso, a causa del lockdown, i nostri ragazzi e le nostre ragazze hanno pensato alla loro comunità devolvendo la somma di denaro a favore dell’Ospedale di Licata e alla Polizia Municipale che si occupa di procurare beni di prima necessità per le famiglie bisognose.  Un gesto di grande maturità e generosità che dimostra come i nostri giovani che si affacciano al mondo degli adulti abbiano compreso pienamente cosa sia la cittadinanza attiva e che rappresenta per tutti un segnale di speranza e rinascita in questo periodo Pasquale così diverso da qualsiasi altro. L’iniziativa ha, ovviamente commosso i docenti tutti e la Dirigente Scolastica Amelia Porrello. Grazie, ragazzi. Questo nobile gesto vi fa onore e ci rende orgogliosi di voi.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *