Home Archive by category spiagge di Licata

spiagge di Licata

In Evidenza spiagge di Licata

Licata, oltre che una storia da non trascurare, ha nel mare una delle sue principali attrattive, circa 25 chilometri di costa variegata.

Di seguito una nostra piccola guida alle spiagge di Licata, con solo le spiagge di cui abbiamo parlato.
L’elenco verrà aggiornato in concomitanza degli articoli.

 

Balatazze

Cala Paradiso

Marianello

Mollarella
 




 

Pisciotto

Poliscia

Rocca

Torre di Gaffe

Torre San Nicola

 

Il mare di Licata – Alcune foto

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”2″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”90″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

spiagge di Licata

Su questa spiaggia non servono molte parole, essendo tra le più gettonate dai bagnanti licatesi e dell’intero hinterland.
Mollarella è sicuramente la spiaggia più rinomata del litorale licatese, affollata durante il giorno ma anche la sera, vista la presenza di ristoranti e lidi che, durante il periodo estivo, spesso organizzano eventi.
Una spiaggia dall’indiscussa bellezza paesaggistica, da cartolina il panorama che si gode dall’alto, con il promontorio a delimitare la spiaggia, forse oggi deturpata da troppe colate di cemento.
Meno risaputo è forse il passato, e la storia, di questa spiaggia.
 




 
Tra i fatti più recenti da registrare lo sbarco alleato, Mollarella è stata infatti la prima spiaggia su cui sono approdate le truppe, in ricordo di questo evento è stata infatti apposta una targa commemorativa.
Sempre nel passato, un ramo del fiume Salso sfociava proprio in questo spiaggia, e probabile come la baia sia stata utilizzata come approdo per poi risalire lungo il cuore della Sicilia.
Mollarella è stata inoltre una delle zone dove in passato si sono avuti insediamenti. Risalgono infatti ai primi secoli a. C. alcuni reperti archeologici rinvenuti in questa zona e oggi esposti nel museo di Licata. Mollarella e Poliscia sono infatti un importante distretto archeologico esistente già nel Mesolitico.
Nonostante la storia millenaria, la spiaggia di Mollarella è frequentata solo da alcuni decenni; foto degli anni ’60 rivelano come poco o nulla sia la presenza di strutture.

Oggi la situazione è molto diversa: sulla spiaggia sono presenti diverse strutture balneari, quasi nulla la spiaggia libera. Consigliata soprattutto per chi ama gli eventi al mare, lettino e ombrellone, particolarmente affollata nel mesi di agosto e la domenica. Molto difficoltoso il parcheggio libero, diversi sono però quelli a pagamento. A differenza di altre spiagge licatesi, Mollarella grazie alla sua conformazione è spesso riparata dal vento. Confina con la spiaggia della Poliscia e con la parte più rocciosa da cui poi inizia la zona Nicolizia.  
La spiaggia dista circa 5 chilometri dal centro di Licata, è raggiungibile dalla strada provinciale (San Michele) o dalla strada panoramica, è inoltre collegata al centro dal servizio bus.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”43″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

spiagge di Licata

Il nome fa già da presentazione.
E in effetti quello che regala questa spiaggia sono tante emozioni.
Angolo nascosto della costa licatese, è forse proprio grazie a questo motivo che conserva gran parte della sua bellezza naturale.
Una cala incastonata tra le più rinomate spiagge di Torre San Nicola e La Rocca; giungervi non è affatto semplice, occorre conoscere il luogo e una volta lasciati i mezzi intraprendere una bella passeggiata fino alla spiaggia.
Il panorama si rivela incantevole sin da subito grazie alla conformazione della spiaggia. Dall’alto infatti si domina il paesaggio, giunti poi in spiaggia sarà l’acqua cristallina ad accogliervi.
Totalmente assenti i lidi, Cala Paradiso è fortemente consigliata per chi vuole vivere il mare nel suo stato quasi naturale.
 




 
Una spiaggia composta prevalentemente da sabbia, non eccessivamente grande ma in grado di accogliere le persone che mediamente si recano qui per una giornata di mare, un po’ di scogli si trovano ai lati della spiaggia.

Come arrivare a Cala Paradiso:
È forse questo l’aspetto più importante, sono molte le difficoltà riscontrate da chi non conosce il luogo.
Uno dei modi è quello di giungere fin sotto la Torre.
Indicazioni dalla Strada Provinciale 67 (San Michele).
Giunti alla rotonda seguire le indicazioni per Mollarella – Poliscia occorre però girare a destra prima di imboccare la strada che costeggia il canalone.
Dopo alcune centinaia di metri troverete un bivio, seguire la strada che sale a sinistra, direzione lido Cala del Re. Continuare superando lo spiazzale adiacente il parcheggio del lido per alcune decine di metri, a questo punto si può parcheggiare e andare in direzione del mare.

Esiste un altro percorso per arrivare in spiaggia dalla Rocca, non sappiamo però fornire le giuste indicazioni. Invitiamo a segnalarci maggiori informazioni così da aggiungerle all’articolo.

 

 

 

 

Dettaglio dal posteggio di Cala del Re a Cala Paradiso

 

 

 

 

Alcune foto di Cala Paradiso:

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”41″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

spiagge di Licata

Anche se in realtà il nome originale dovrebbe essere “Pisciotta”.
Nei nostri “consigli su quale spiaggia di Licata scegliere“, quella del Pisciotto è stata classificata tra le vie di mezzo.
La spiaggia infatti, posta quasi al limite occidentale del territorio di Licata, offre soluzioni per tutte le esigenze.
Sono infatti presenti lidi per gli amanti di lettino ed ombrellone, ampia spiaggia libera andando in direzione Rocca, spiaggia con cui confine. Caratteristiche poi le cosiddette “piscinette”, laghetti artificiali nati dalla posa di una barriera in pietra a difesa della spiaggia.
Sono infatti l’erosione, la zona è spesso soggetta a vento, oltre alle correnti marine che si abbattono sulla spiaggia, tra i principali nemici del “Pisciotto”, non di rado infatti la spiaggia si restringe. Le correnti hanno però la funzione positiva di rendere l’acqua pulita. Il Pisciotto si può infatti definire una delle più belle spiagge di Licata.
 




 
Come tante altre zone del litorale licatese, anche la spiaggia del Pisciotto ha un importante passato storico da raccontare. È probabile che anche in questa spiaggia si sia svolta la battaglia navale tra Romani e Cartaginesi durante le guerre puniche. Anche in questa spiaggia, anche se non vi fu nessuno sbarco diretto, stazionavano le navi alleate che la notte tra il 9 e 10 luglio 1943 diedero vita alla liberazione dal nazi-fascismo.

La spiaggia è raggiunta dal servizio autobus che congiunge le zone balneari al centro di Licata (orari autobus), difficoltà per il parcheggio a causa dei divieti di sosta e della mancanza di aree libere. Il servizio è spesso effettuato da privati.
La spiaggia è posta nel litorale occidentale di Licata a ridosso di Torre di Gaffe, limite del territorio comunale; da Licata è raggiungibile la strada provinciale 67 (San Michele, direzione Torre di Gaffe).

(foto: Clelia)

 

spiagge di Licata

Un luogo incantevole oltre che ricco di storia, come in realtà altri luoghi di Licata.
Il nome si deve alla torre che svetta sulla collina a ridosso della spiaggia, torre che veniva in passato utilizzata per avvistare, e poi segnalare, i pericoli provenienti dal mare.
Torre San Nicola fa infatti parte di quel sistema di torri e castelli che sorgevano (alcuni sono ancora visibili) lungo il litorale licatese, per sorvegliare la città dagli attacchi, soprattutto delle flotte turche durante il ‘600. È infatti a quell’epoca che risale, anche se un restauro è stato effettuato di recente.




La spiaggia è relativamente piccola, una baia che si incastra tra gli scogli che affiorano dal mare, ed è posta al limite della strada che conduce verso Mollarella e Poliscia.
Suggestiva è anche la parte che va verso la confinante spiaggia di Cala Paradiso e la più rinomata Rocca, dove spiagge più piccole ed impervie si susseguono a formazioni di rocce.
La spiaggia di Torre San Nicola è luogo apprezzato soprattutto da licatesi, presente uno stabilimento dove si può usufruire di vari servizi.
L’acqua è relativamente bassa, soprattutto all’inizio, qualche pericolo potrebbe giungere dalla presenza in acqua di scogli. Di notevole fascino la zona che va verso la Rocca, abbastanza impervia ma sicuramente più incontaminata.

L’accesso alla spiaggia non è agevole, non si può certo definire una spiaggia accessibile.

Altre spiagge di Licata

Di seguito alcune foto:

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”40″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

 

 

spiagge di Licata

In una ipotetica classifica sulle spiagge più belle di Licata, a nostro giudizio, quella della Rocca è sicuramente da podio.
Paesaggio incantevole, un luogo ricco di storia, varietà offerta dall’alternanza di sabbia e scogli.

La spiaggia prende il nome dall’isolotto che affiora a poche decine di metri dalla riva, la Rocca appunto, oggi tappa di passaggio quasi irrinunciabile per barche, canoe e pedalò, ma che in passato ha rivestito la funzione di punto di attracco per le flotte navali impegnate nei lunghi viaggio per il Mediterraneo.
E qui potrebbe anche avere avuto luogo una delle più grandi battaglie navali combattute nell’antichità; siamo nel 256 a.C., romani e cartaginesi si fronteggiano nel contesto della prima guerra punica.
 




 
Dal punto di vista “tecnico”, la Rocca offre una lunga distesa di sabbia fine che arriva fino alla vicina spiaggia del Pisciotto, una zona composta da scogli e calette in direzione opposta verso Cala Paradiso e Torre San Nicola, con cui la spiaggia confina.
L’acqua è spesso limpida grazie all’azione delle correnti e alla mancanza di ostacoli che ne evitano la stagnazione.
La spiaggia, nonostante sia molto frequentata, permette anche zone un po’ più isolate oltre all’omonimo lido che offre tutti i servizi annessi ad uno stabilimento balneare: bar, cabine, lettini, parcheggio e altro ancora per gli amanti dei comfort.

La spiaggia è raggiungibile dalla strada Provinciale 67 (San Michele), sono poi presenti le indicazioni.

Altre spiagge

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”37″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

spiagge di Licata

Un tuffo nella storia.
La spiaggia della Poliscia è oggi rinomata soprattutto per la sua bellezza paesaggistica.
Sabbia finissima e mare pulito grazie all’azione delle correnti ne fanno il suo punto di forza.
La spiaggia è delimitata da un promontorio, che si affaccia anche su Mollarella e da spiaggette e scogli nel tratto che poi porta verso la spiaggia di Torre San Nicola.

Soprattutto negli ultimi anni sono sempre di più licatesi e non che l’affollano durante la stagione estiva, indicata soprattutto per gli amanti delle comodità. Sono infatti diversi i lidi presenti e che offrono diversi servizi.
 




 
La spiaggia della Poliscia, insieme a quella di Mollarella, è però ricca di storia.
Come già detto nell’articolo distretto archeologico Caduta – Poliscia, la zona risulta frequentata in epoca preistorica. Nel museo archeologico di Licata sono presenti alcuni reperti, testimonianze più significative si hanno però a partire dal VI secolo a. C., con la costruzione di un santuario dedicato a Demetra ed una necropoli greco-arcaica.
Anche nel mare antistante sono diversi i ritrovamenti archeologici.
Una storia che è continuata anche in epoca recente, con lo sbarco alleato avvenuto lungo la costa licatese la notte del 10 luglio 1943.

La spiaggia dista dal centro di Licata circa 4 chilometri, nel periodo estivo viene anche effettuato un servizio di trasporto in autobus. Difficoltà si riscontrano soprattutto nei parcheggi, quelli liberi vengono occupati già nelle prime ore del mattino, l’alternativa sono quelli a pagamento.
La Poliscia è anche luogo di ritrovo nelle notti d’estate, con alcuni dei lidi che organizzano eventi.
Ci sentiamo di consigliare questa spiaggia agli amanti delle comodità, dell’aperitivo al mare e delle zone non particolarmente isolate.

Altre spiagge

 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”33″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

 
spiagge di Licata

Lo diciamo subito: nel parlare di questa spiaggia siamo di parte, essendo tra le nostre preferite.
Marianello, per vari motivi, è una delle tappe obbligatorie per chi vuole godere del mare di Licata.
A suo favore giocano vari fattori, dalla posizione, situata a pochi passi dal centro alla diversità che offre, sia in termini di servizi che varietà della costa.

Per lunghi tratti sabbiosa, offre nella sua parte finale, al confine con la zona Nicolizia, ampie calette e possibilità di immersioni. La spiaggia è tra le più grandi di Licata, estendendosi per diversi chilometri. Il primo tratto è molto affollato e offre servizi, grazie alla presenza di diversi lidi.
È però dopo una passeggiata (sulla sabbia) di circa 10 minuti che Marianello offre il meglio di se; superata la parte dove si concentrano i bagnanti, la spiaggia offre tranquillità e mare pulito. In questo tratto è presente soprattutto sabbia, anche nel pieno della stagione estiva non è difficile riuscire a trovare posto per il proprio ombrellone (vista l’assenza di lidi è il caso di portarlo da casa).




La spiaggia di Marianello è caratterizzata dalle “Timpe”, montagne argillose che delimitano il confine con le sovrastanti colline licatesi.
Superato il lungo tratto sabbioso si giunge in diverse cale e spiaggette, dove si alternano sabbia e rocce.

La spiaggia di Marianello è raggiungibile dal centro di Licata, basta superare il porto. Un grande parcheggio gratuito offre la possibilità di lasciare i mezzi.
Se si vuole raggiungere la parte finale della spiaggia, una volta parcheggiato occorre camminare per 10 – 15 minuti; è possibile raggiungere questo tratto di spiaggia anche da alcune strade, non proprio agevoli, situate nella “montagna” di Licata.

Altre spiagge

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”31″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

 

blog spiagge di Licata

La spiaggia di Torre di Gaffe segna il confine occidentale del territorio di Licata; la frazione si anima soprattutto durante il periodo estivo.

Torre di Gaffe ha sempre rivestito un ruolo storico importante. L’omonima torre, ubicata a pochi metri dalla spiaggia ed eretta nel XVI secolo, costituiva un punto di difesa, collegato visivamente con Torre San Nicola (sempre nel territorio di Licata). Di forma circolare, elevata dal livello del mare per 11 metri, è stata costruita dalla famiglia Grugno, a difesa del proprio feudo.
Oggi la torre versa in discrete condizioni.
 




 
Torre di Gaffe è stata inoltre scelta come punto di attracco delle forze alleate durante lo sbarco in Sicilia, avvenuto la notte del 10 luglio 1943.

Dal punto di vista prettamente paesaggistico, la spiaggia si presenta soprattutto sabbiosa e confina con la spiaggia del Pisciotto.
Non sono presenti lidi o bar, che possono invece essere trovati pochi metri più avanti all’interno del piccolo centro abitato.
Torre di Gaffe oggi è soprattutto meta di appassionati di kitesurf, grazie alla sua conformazione e alla quasi costante presenza di vento.

Altre spiagge

blog spiagge di Licata

Se siete amanti della sdraio e dell’ombrellone, del bar a portata di mano, le Balatazze non è assolutamente la spiaggia che fa per voi.
Questo angolo di costa licatese è infatti fortemente consigliato soprattutto agli amanti del mare quasi selvaggio.Una piccola spiaggia iniziale è l’unica presenza di sabbia, sono infatti soprattutto le rocce a farla da padrona, e già il nome lancia più di un segnale.
Il riferimento alle “balate” si coglie soprattutto negli scogli piatti e larghi posizionati alla fine del corpo roccioso principale, è facile inoltre che, durante l’alta marea, vengano sommersi dall’acqua.

Il tratto iniziale della spiaggia presenta acqua molto bassa, bisogna seguire il sentiero scavato nella roccia per raggiungere il punto dove è possibile immergersi o tuffarsi, con l’altezza dell’acqua che supera abbondantemente i 3 metri.




Le “Balatazze” sono consigliate soprattutto in condizioni di giornata calma, il vento infatti tende ad increspare l’acqua rendendola poco limpida, aumentandone la pericolosità.
La spiaggia, vista anche la sua acqua spesso cristallina, è anche indicata per gli amanti delle immersioni, trovandosi nel tratto di costa licatese ricco soprattutto di scogli.

Le Balatazze si trova tra le contrade Nicolizia e Mollarella, la strada che conduce alla spiaggia non è certo delle più agevoli, oltre che poco segnalata.

Altre spiagge

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”27″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”1″ thumbnail_width=”150″ thumbnail_height=”150″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]